italiano english slo



ACUSTICA

CLIMABLOCKIl rumore era, sino a poco tempo fa, una delle fonti di inquinamento più sottovalutate e meno controllate,  solo da pochi anni è stato riconosciuto come grave minaccia per la salute e per il benessere psico-fisico dell’uomo. Questa presa di coscienza ha portato il legislatore ad elaborare delle leggi che regolamentano i livelli ammissibili di inquinamento da rumore.
Un edificio deve essere in grado di garantire che le attività svolte al suo interno soddisfino l’esigenza prioritaria del benessere uditivo.
Il benessere uditivo è da intendersi come controllo dei suoni, dei rumori aerei e impattivi che possono provenire sia dall’ambiente esterno che dagli spazi collegati.
Lo spazio abitativo deve essere caratterizzato da un livello sonoro i cui valori non superino i limiti massimi consentiti, oltre i quali non può esistere il benessere.
Tutte le chiusure verticali ed orizzontali che delimitano un edificio devono garantire che le condizioni ambientali interne rispetto a quelle esterne soddisfino:

  • l’isolamento acustico ai rumori aerei
  • l’isolamento acustico alla propagazione dei rumori impattivi
  • l’assorbimento acustico

Questo obiettivo è alla base della progettazione di Climablock, infatti lo si può raggiungere attraverso una progettazione di pareti e solai attenta all’uso dei materiali e alla loro posa in opera.


Normativa acustica per l'edilizia
In Italia la legislazione di riferimento è la  “legge quadro per l’inquinamento acustico” 447/1995 e il DPCM del 5 Dicembre 1997  “Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici” che introduce i valori (indice di valutazione) da garantire e da verificare con prove in opera seguendo le metodiche descritte da normative armonizzate UNI EN ISO 717 parte 1 e 2. In particolare il DPCM del 5 dicembre classifica gli edifici in base alla loro destinazione d’uso e definisce i livelli prestazionali (di seguito si riporta la tabella con i valori di riferimento). Confrontando questi valori con quelli riferiti alle pareti realizzate con Climablock, si desume che i valori di abbattimento acustico ottenuti con Climablock risultano superiori rispetto a quelli fissati dalla Normativa.

PONTAROLO

PONTAROLO


Definizione parametri acustici
Il potere fonoisolante apparente (R’) caratterizza la capacità di una partizione realizzata in opera , divisoria tra due differenti ambienti, di abbattere i rumori aerei. Apparente  perché tiene conto della capacità di isolare della parete da tutti i suoni, anche quelli che si trasmettono lateralmente, cioè attraverso percorsi alternativi.
L’isolamento acustico standardizzato di facciata (D2m,n,T,w) caratterizza la capacità di una facciata di abbattere i rumori aerei provenienti dall’esterno.
Questo valore tiene conto dei singoli indici di potere fonoisolante dei componenti della facciata, quali aperture serramenti e muratura. Nel caso specifico il valore di 45 dB è stato ottenuto, tenendo conto di una superficie di finestre pari al 18% della superficie della parete e per serramenti costituiti da telai in legno con superfici vetrate 6+16+4 (vetrocamera), dalle medie caratteristiche fonoisolanti ( R’w = 39 db).

Prestazioni del sistema Climablock

Pareti divisorie
Il sistema Climablock è in grado di garantire i livelli prestazionali richiesti dalla Norma DPCM del 5 dicembre 1997. In particolare nel caso di una parete divisoria tra unità immobiliari, laddove si preveda un rivestimento in cartongesso dello spessore di 1,25 cm su ambedue i lati, il sistema è in grado di garantire un R’w (Potere fonoisolante apparente) pari a 52,3 dB, rientrando quindi nei parametri richiesti.

PONTAROLO


Pareti esterne
Analoghe prestazioni sono garantite dalle pareti esterne di tamponamento. In questo secondo caso, laddove si preveda l’utilizzo di una lastra di cartongesso interna (spessore 1,25 cm)  e dal lato esterno una doppia rasatura con rete in fibra di vetro tessile e rivestimento acrilico antialga, il sistema è in grado di garantire un valore D2m,nT,w (Isolamento acustico standardizzato di facciata ottenuto considerando una superficie media degli infissi) pari a 45,1 dB.
Ricordiamo che il valore minimo di legge previsto è di 40 dB per gli edifici residenziali.

PONTAROLO


Il sistema climablock con spessori maggiori della parete in C.A., può fornire un risultato di isolamento acustico con valori di gran lunga superiori alla richiesta della normativa. Oltre allo spessore 16,2 cm di C.A. del sistema Climablock utilizzato per il calcolo, ricordiamo che sono disponibili elementi per un setto di 19,2 cm.

PONTAROLO

© Copyright PONTAROLO ENGINEERING SPA via Clauzetto,20 - 33078 San Vito al Tagliamento (PN) Italy - P.IVA 00631040938 - phone +39.0434.857010
credits: polodigitale.it